Covid-19: linee guida per le attività economiche e sociali 1.04-22.12.2022

Covid-19 linee-guida attività economiche.jpg

Il Ministero della Salute ha emesso le nuove Linee guida (fatte salve specifiche disposizioni di leggi vigenti in materia) per consentire lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali. Il documento interessa a: 

  • ristorazione e cerimonie
  • attività turistiche e ricettive 
  • cinema e spettacoli dal vivo 
  • piscine termali e centri benessere 
  • servizi alla persona 
  • commercio 
  • musei archivi biblioteche centri di cultura e mostre 
  • parchi tematici e di divertimento 
  • circoli culturali , centri sociali e ricreativi 
  • convegni congressi e  grandi eventi fieristici 
  • sale gioco sale scommesse sale bingo e casino’ 
  • sagre e fiere locali 
  • corsi di formazione 
  • sale da ballo e discoteche.

Prevista per tutte le attività un’adeguata informazione sui comportamenti che utenza e operatori devono tenere per garantire lo svolgimento dell’attività in sicurezza:

  • GREEN PASS E MASCHERINE come da normativa vigente (fino al 30/04/2022 FFP2 al chiuso FFP2 e green pass base);
  • IGIENE DELLE MANI, ultimamente trascurata (mi è personalmente capitato diverse volte in cui i contenitori dei disinfettanti erano vuoti) torna ad essere sottolineata nelle linee guida: messa a disposizione, all’ingresso e in più punti dei locali, soluzioni per le mani al fine di favorirne l’igienizzazione frequente da parte degli utenti;
  • IGIENE DELLE SUPERFICI: frequente igienizzazione di tutti gli ambienti con particolare attenzione delle aree comuni e delle superfici toccate con maggior frequenza;
  • AERAZIONE: rinforzo del ricambio naturale dell’aria (significa aprire spesso le finestre o le porte per favorire il ricambio dell’aria) . In caso di impianti meccanizzati verifica dell’efficacia e delle portate d’aria. Esclusione della funzione di ricircolo dei condizionatori, tranne che per gli impianti immodificabili, per i quali è necessario prevedere misure alternative per il contenimento del possibile contagio. Se possibile aumento della capacità filtrante, sostituzione dei filtri con filtri di categoria superiore, mantenimento del nr delle portate. Apparecchiature costantemente manutenute. 

Bisognerà organizzarsi per rendere “dimostrabili” tutte le azioni che rispettano le prescrizioni delle Linee guida: dalla evidenza delle fatture di acquisto di detergenti e disinfettanti e DPI e/o servizi di igienizzazione dei locali, a procedure che istruiscano i lavoratori su come rispettare le prescrizioni e registri che consentano di rilevare il rispetto delle prescrizioni.

In sintesi, ecco le indicazioni che si applicano trasversalmente a diverse attività commerciali e sociali: 

  • privilegiare gli accessi tramite prenotazione
  • Se possibili prevedere percorsi di accesso e di uscita differenziati per evitare code e assembramenti in ingresso ed in uscita
  • privilegiare l’uso degli spazi esterni 
  • mantenimento della distanza di 1 metro estensibile a 2 metri in base allo scenario epidemiologico di rischio 
  • privilegiare menù tramite soluzioni digitali o plastificati da disinfettare dopo ogni cliente
  • favorire modalità di pagamento elettronico al tavolo 
  • in caso di attività ludiche mantenimento della distanza di sicurezza 1 metro, della mascherina, igienizzazione delle mani e disinfezione degli oggetti 
  • riorganizzare gli spazi 
  • riorganizzare i percorsi di accesso e di uscita se possibile separati e in modo da evitare assembramenti 
  • disinfezione dopo l’uso di ogni persona
  • favorire il monouso laddove possibile
  • servizi igienici disinfettati e puliti più volte al giorno in base ai flussi 
  • docce che garantiscono la distanza di 1 metro o la presenza di barriere
  • igienizzazione frequente delle aree comuni di frequente contatto 
  • in saune e bagno turco garantire 2 metri di distanza e garantire ricambio d’aria naturale e igienizzazione dopo ogni turno 
  • consentita la messa a disposizione di riviste in più copie previo igienizzazione delle mani 
  • obbligo di percorsi differenziati di entrata e uscita nei parchi a tema e modifica dei tornelli per evitare il contatto con le mani 
  • nei parchi avventura mantenere la distanza di 2 metri 
  • numero massimo dei partecipanti a eventi e congressi fiere stabilito dagli organizzatori in base all garanzia di mantenimento della distanza di sicurezza
  • tavolo dei relatori a distanza di sicurezza per consentire di evitare l’uso della mascherina al relatore
  • aree espositive gestite in modo da evitare assembramenti 
  • garantire la regolare igienizzazione degli ambienti 
  • nelle sale giochi e sale scommesse la apparecchiature che non possono essere disinfettate non possono essere usate
  • nei corsi di formazione garantire 1 metro di distanziamento 
  • la postazione del docente deve essere ad almeno 2 metri dalla prima fila dei discenti 
  • garantire la regolare igienizzazione degli ambienti 
  • eventuali attrezzature devono essere disinfettate dopo ogni utente e adeguata disinfezione a fine giornata
  • nelle sale da ballo distanza interpersonale di 2 metri come per lo sport 
  • nelle sale da ballo distribuzione bevande possibile solo se si mantiene la distanza rigorosa di 1 metro 
  • ogni cavatappi  secchiello per il ghiaccio ecc deve essere disinfettato prima della consegna. 

Aspettiamo adesso le nuove indicazioni per le diverse attività sanitarie pubbliche e private (a meno che le indicazioni per la gestione in sicurezza durante la Pandemia non diventino “ordinarie” e passino sotto le prescrizioni del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro).

Vuoi maggiori informazioni?

Clicca e contattami con Whatsapp

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Ti potrebbe interessare anche...